Stante il pieno avvio delle attività scolastiche e l’aumentato turn-over dei casi sospetti nei minori, verificate le definizioni di caso sospetto, caso probabile, caso confermato attualmente in uso in Italia, considerato l’avvio del percorso per addivenire in tempi rapidi alla conferma di caso, si indica che i contatti di caso sospetto legati all’ ambito scolastico e ai servizi educativi per l’infanzia non sono da porre in isolamento domiciliare fiduciario: ciò sia applica sia ai famigliari conviventi che ai compagni di classe o ad altri contatti stretti.

Documenti